20+ore di autobus da Chicago a Philadelphia

Avventura # 7: 23 ore di autobus da Chicago a Philadelphia, Giovedi 7 luglio 2016

[Alice:] Essendo viaggiatori (non ricchi) e amanti della strada, decidemmo di andare da Chicago a Philadelphia con l’autobus. Questo viaggio ebbe una durata di circa 23h, con una sosta di 4h a State College. Fu decisamente una idea folle . Ma decidemmo di  farlo, e siamo ancora qui per raccontarlo …

Prendemmo un Megabus, seduti al piano inferiore, in una piazza a quattro posti con «tavolo». pensammo all’istante di aver commesso un grosso errore ad aver prenotato questi posti , ma avendo solo un ragazzo di fronte a noi, finalmente (dopo un po di foot wrestling)  trovammo la maniera più comoda per sedersi / sdraiarsi e dormire un po’.

PRESENTAZIONE DEL VIAGGIO DA SIMONE

Assicuratevi di guardare 0:15-00:40 se volete…… (parte migliore a 0:32)

Simone's new best friend
Nuovo migliore amico di Simone

Durante queste fermate  anche se non si vuole uscire dal bus, tutte le luci sono accese  e l’autista annuncia il luogo e l’orario di ripartenza dagli altoparlanti. Quindi, a meno che non si abbia un sonno molto pesante e muniti di ottimi tappi per le orecchie e maschera per gli occhi, dormire é praticamente impossibile…

A volte durante queste sveglie : mi sembrava di venir strappato dal posto migliore sulla terra e gettato all’inferno, allo stesso tempo così profondamente assonnato e così brutalmente  svegliato solo un paio di ore dopo …

basta essere SEXY IN THE BUS…

Sexy Alice
Sexy Alice
Sexy Simone
Sexy Simone

cambio di BUS

Durante la nostra sosta di 4 ore a State College, non ci fu’ molto da fare. Dopo aver mangiato dei panini  con hummus, ci dirigemmo al MacDonald per connetterci al wifi e  bere il più’ disgustoso the’ freddo mai bevuto in vita mia. Erano fuori scorta sia di caffè, sia di Coca Cola …

MacDonald's stop
Arresto di MacDonald
State College Stop
State College Arresto
On the road
On the road

FINALmente IN PHILLY !!

Finalmente  a Filadelfia intorno alle 9 e prendemmo un taxi. L’autista fu davvero molto strano. Ci chiese indicazioni per raggiungere la nostra destinazione (che non conoscevamo  non essendo mai stati lì, ovviamente!), Quindi controllammo il GPS del nostro telefono americano, e allo stesso tempo ascoltammo un strano documentario sul baseball e la guerra alla radio… !!!!

Finalmente giungemmo all’appartamento di Aisling e Craig, un super grande coppia che incontrai al Wos bar.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

1 Commentaire

Ajoutez les vôtres

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *